I libri su Istanbul, Les Désenchantées

L’ho letto ai tempi dell’universitàa, ma avevo deciso di non parlarne sul blog: per il semplice fatto che del romanzo Les Désenchantées (“Le disincantate”) di Pierre Loti non è mai stata fatta una traduzione in italiano; però, ho scoperto che è appena uscita – praticamente un secolo dopo la precedente – quella dell’altro romanzo di ambientazione istanbuliota dello scrittore francese, Aziyadé: se non hanno messo in programma quella di Les Désenchantées, magari provo a sollecitarli anche io. E ne varrebbe la pena, si tratta di un lavoro più maturo – scritto quasi 30 anni dopo, in effetti – di Aziyadépiù riuscito, più denso nella trama, più ricco nel linguaggio, più piacevole da leggere.

Di cosa si tratta, lo ha già spiegato in uno dei primi post del blog, un anno fa: quello dedicato al libro Evadées du harem. Affaire d’état et féminisme à Costantinople, 1906 e alla collina di Pierre Loti a Eyüp. Nella loro scelta, è stata decisiva l’influenza del celebre Pierre Loti, al secolo Julien Viaud: francese, ufficiale navale, romanziere, viaggiatore, turcofilo, cittadino a intermittenza di Istanbul.” Il romanzo non parla dell’avventurosa fuga, ma dei ripetuti – e clandestini – incontri tra Loti e tre fanciulle velate: le due turche, una terza che si spaccia anch’essa per turca – dalla vita tormentata – e che è invece francesissima; insomma, a Loti lo mettono in mezzo: con l’obiettivo, solleticandone la vena artistica e provocandone l’indignazione, di fargli scrivere un libro sulla condizione infelice delle donne – ricche, in questo caso – dell’haremIl problema di fondo, ancorato nella realtà e non frutto di fantasie sensualmente orientaliste, è il contrasto eclatante tra l’educazione di stampo europeo ricevuta e la mancanza di libertà nelle proprie scelte: soprattutto in tema matrimoniale.

Il piano è andato a buon fine, il libro è uscito all’inizio del 1906 e ha avuto un enorme successo; a Loti, invece, non è mai stato detto nulla sulla reale identità della teza donna velata: anzi, gli è stato fatto credere che la terza donna velata si era suicidata per amore (la sua lettera strappalacrime, in punto di morte, è stata integralmente trasfusa nel romanzo).

Attentato all’aeroporto di Istanbul

Attentato all’aeroporto di Istanbul già pubblicato su lookout news a cura di Giuseppe Mancini  A oltre 24 ore dagli attacchi suicidi all’aeroporto Ataturk di Istanbul le ricostruzioni cominciano a essere finalmente attendibili, anche se ancora manca una versione ufficiale e coerente. Il numero delle vittime è pressoché definitivo: 43 morti e 239 feriti, in prevalenza turchi ma […]

Accade sempre qualcosa di speciale

Accade sempre qualcosa di speciale. Oggi ho incontrato Gabriele, una bellissima persona inviatami dal cosmo, credo. Più la vivo questa città, più mi dispiaccio del fatto che sia così poco accessibile a chi ha problemi di deambulazione e/o usa la sedia a rotelle. E vorrei trovare delle soluzioni e dei volontari per provare a “superare” […]

Istanbul, Europa: Emitt 2015

La Emitt si ormai conquistata il titolo di fiera turistica più importante della Turchia, specchio delle comunità regionali e punto di riferimento per il mercato internazionale, al 6° posto nella classifica delle più prestigiose fiere di settore in Europa (e sempre al 6° posto, stavolta delle mete mondiali più frequentate, c’è proprio la Turchia: l’Italia […]