Mesopotamia

MESOPOTAMIA

la culla delle civilta’

harran_case_alveare2

Prediletto tra i nostri itinerari, la Mesopotamia è un viaggio che va fatto almeno una volta nella vita. In questi ultimi anni abbiamo aperto corridoi di turismo sostenibile con le comunità turche e curde delle aree rurali di quella regione forzatamente chiamata kurdistan recentemente tornata ad infuocarsi – nelle aree agli estremi confini sud orientali – con violenze a firma di gruppi terroristici rivoluzionari. Siamo stati vicini alle popolazioni locali in condizioni privilegiate e di calma e saremo ancora a fianco del popolo turco, il popolo vero, che non distingue lingua religione ne’ origine etnica, al contrario di quanto sostenuto da slogan politici diffamanti e che si basano su stolti pregiudizi discriminatori. In segno di speranza ed apertura, per rifiutare l’indottrinamento e in nome dei principi di responsabilità e sostenibilità – che non rappresentano per noi un mero strumento di marketing –  su cui si fondano tutti i nostri progetti rivolgiamo il nostro appello ai viaggiatori responsabili, agli avventurieri e ai “diversi” che non hanno paura di andare oltre le aspettative del “per sentito dire” scaturite dalla furiosa campagna mediatica anti turca e islamofoba che dilaga in Europa.

Saremo a disposizione di quanti vorranno sperimentare di prima mano la cultura rurale e nomadica di Mesopotamia, per ripercorrere le orme delle grandi civiltà da cui noi stessi procediamo: Il tempio di Gobekli Tepe, Harran e Sanliurfa patria del profeta  Abramo, Midyat e Mardin da dove si diffuse il Cristianesimo alle origini, I fiumi Tigri ed Eufrate con segni e tracce dal neolitico alla contemporaneità. Un’occasione per riscoprire noi stessi e per per portare un contributo economico nelle aree più preziose e sensibili del Medio Oriente, sempre più penalizzate in conseguenza dell’evidente isolamento internazionale in cui si tenta di gettare la Turchia.

Un itinerario inedito per scoprire il primo lembo fertile tra i fiumi Tigri ed Eufrate nel Sud Est della Turchia, una piana fertile incredibilmente estesa, dove il cielo sembra farsi prendere al tocco e un vento caldo soffia come carezze sul viso.

Culla delle civiltà e serbatoio del Medio Oriente, il Sud Est dell’Anatolia è infatti uno dei territori più peculiari e sensibili del mondo. E’ da qui che parte la storia dell’umanità tutta percorrendo fili di memorie da Oriente a Occidente e viceversa.  Oggi in Mesopotamia si coniugano tradizioni provenienti dal mondo epico-rurale turco, arabo, persiano a quelle di tribù autoctone, tra cui primeggiano i kurdi ed alcune rare etnie nomadi. Il panorama linguistico e religioso è altrettanto fertile: La lingua ufficiale è il Turco e nella regione lo si parla contemporaneamente al Kurdo e all’Arabo, tuttavia sono ancora presenti tracce di lingue derivanti dall’Assiro, tra cui varianti dell’Aramaico.
Monoteismo musulmano, cristiano, ebreo, tracce persistenti di culti primigeni legati alla fertilità della Madre Terra e alle magie del naturale,religioni astrali e culti planetari pre-diluvio si mescolano e convivono dalla notte dei tempi.
Una esperienza socio-culturale ricchissima di prospettive, dove ri-scoprire la dolcezza di un modus vivendi, di attitudini umane che, nel colpo di un sorriso, riavvicinano ad universi ancestrali distanti millenni.

1250x550SlideTurkey

SCHEDA TOUR

Struttura del viaggio: 8 giorni nel primo lembo della mezzaluna fertile tra i fiumi Tigri ed Eufrate, una immersione nei territori inclusi nel triangolo tra Nemrut, Urfa e Mardin, per conoscere e scoprire i segni ed i luoghi delle grandi civiltà del passato.

Hotel: Le sistemazioni sono tutte presso hotel di categoria boutique e a gestione locale. Prediligiamo sistemazioni in posti caratteristici, edifici storici convertiti in strutture ricettive e ove possibile a conduzione familiare, ispirati da criteri di turismo responsabile e sociale e volendo massimizzare il contributo alla gente del posto. Ci piace avere la sensazione di andare “ a casa”, dove ad accoglierci saranno i sorrisi squisiti che solo i Turchi sanno regalare e dove non avremo bisogno di identificarci con un numero. Nella maggior parte dei casi le nostre camere avranno un nome proprio ispirato ad un elemento che le caratterizza: un colore, un fiore, un epoca, il nome di una sultana e via dicendo.

Pasti: e’ inclusa la mezza pensione alternando pranzi e cene in ristorantini, locande tradizionali e hotel.  Sara’ tuttavia possibile concordare un trattamento di pensione completa su richiesta, avremo cura di selezionare menu e ristoranti a seconda di esigenze specifiche.

Organizzazione logistica L’itinerario e’ ideato e coordinato da Elena Ventura – laureata in Turcologia alla Sapienza di Roma e consulente di viaggio residente in turchia da 5 anni –  con il supporto di partner territoriali di professionalità e affidabilita’, tutti membri esercenti di facile tracciabilita’  con regolare licenza governativa rilasciata dal TURSAB.

Nelle partenze col turcologo, Elena Ventura affianca I gruppi e le e guide locali durante gli itinerari, fornendo mediazione culturale e linguistica e assistenza diretta 24h.

Voli: I voli non sono inclusi nell’offerta e sono a cura dei partecipanti, che avranno modo cosi’ di gestire in autonomia le partenze da citta’ diverse e di regolare il proprio budget a seconda della convenienza specifica. Il punto di ritrovo sara’ l’aeroporto di Adiyaman.da dove vi aspetteremo con un cartello a vostro nome per il transfert al villaggio di Karadut, alle pendici del monte Nemrut dentro la riserva naturale. Aeroporto di andata: Adiyaman  Aeroporto di rientro: Mardin.  Saremo felici di occuparci delle prenotazioni dei voli interni su vostra richiesta.

Clima – Il clima della Mesopotamia è caldo e secco, con temperature che a settembre sfiorano ancora i 40 gradi. Si consiglia abbigliamento comodo e sobrio per le escursioni e per le attitudini locali. Tutti i dettagli nella sezione altre informazioni.

Dettagli:  Per visionare il prezzo e tutti I dettagli del programma scorri la pagina verso il basso e clicca sulle rispettive voci  “il tour”  “prezzi e partenze” “altre informazioni”  dal menu a linguetta.

Dettagli

PROGRAMMA IN DETTAGLIO

1 giorno: Italia – Adiyaman via Istanbul 

Il gruppo si ritrova ad Istanbul con il turcologo per procedere con il volo interno diretto ad Adiyaman, dove è prevista l’ accoglienza in aeroporto e il trasferimento al nostro hotel situate all’interno del Parco del Monte Nemrut, posizione  privilegiata per le escursioni del giorno seguente. E’ previsto un briefing di viaggio con il turcologo, organizzatore e referente che coordinerà il gruppo e le guide locali durante tutto l’itinerario.

2 giorno: La civiltà dei Commageni  

Dedicheremo la giornata alla scoperta della civiltà dei Commageni attestata fin dal 850 a.C. e coinvolta nelle dominazioni anatoliche nel periodo ittita, assiro – babilonese, persiano ed ellenistico. In particolare  approfondiremo l’area di Arsameia nel 1 secolo a.C. e la figura di Antioco I. Arsameia – di cui sopravvivono tombe monumentali, il vecchio forte e il mausoleo di Antioco – fu fondata da Arsamez antenato dei commageni e magnificata da Antioco I, che ne fece il cuore nevralgico del suo ambizioso progetto.  Sul finire del buio prima dell’alba nascente saliremo sulla cima del Nemrut, carico di fascino e mistero a 2150mt slm, nella catena orientale  dell’Antitauro, dove il panorama  si fa struggente sull’azzurro intenso dell’Eufrate che si raccoglie dentro il grandissimo bacino idrico della diga Ataturk. Uno spettacolo carico di suggestione dove natura e colori si contrastano dagli ocra ai verdi, dai rossi ai blu fino a sfumare gli uni negli altri, in un orizzonte arcobaleno. Il mausoleo è uno strepitoso complesso caratterizzato da una camera funeraria sotterranea ricoperta da un tumulo di pietre circondato da terrazze monumentali orientate ad Est  e ad Ovest. Inizieremo dalla Terrazza Est con la levata del sole e chiuderemo sulla terrazza ovest al tramonto.  Durante le due tappe sulla cima del monte esploreremo tutta l’area dell’antica Arsameia. Pensione completa, pernottamento.

3 giorno: Nemrut – Gobekli Tepe – Sanliurfa

Salutiamo i commageni e scendiamo dal monte Nemrut verso Kahta, da dove oltrepasseremo il  maestoso fiume Eufrate. Viaggeremo a sud est, in una direttrice che attraversa la piana fertile dell’Alta Mesopotamia in direzione di Urfa la gloriosa, la città dei Profeti. Prima di entrare in città effettueremo una deviazione a nord-ovest  inseguendo uno dei tanti canali che, diramando dal corso principale dell’Eufrate, scorrono ad alimentare immense distese coltivate a cotone e cereali. Saliremo un’altura di forma sinuosa ed allungata, per raggiungere il punto più alto dove giacciono le rovine del tempio di Gobekli Tepe, la più antica testimonianza di costruzione in pietra realizzata dall’uomo, antecedente le ziqqurrat sumere (Bassa Mesopotamia, oggi Iraq). Fu iniziato attorno al 9500 a.C., la sua erezione dovette interessare centinaia di uomini nell’arco di tre o cinque secoli. Intorno all’8000 a.C. il sito venne deliberatamente abbandonato e volontariamente seppellito con terra portata dall’uomo. Si tratta di una collina artificiale alta circa 15 metri e dal diametro di 300 metri che domina la regione circostante, tra la catena del Tauro e il Karaca Dağ e la valle di Harran. La località fu riconosciuta di interesse archeologico già nel 1963, ma gli scavi furono iniziati ufficialmente nel 1995 da una missione congiunta del museo di Şanlıurfa e dell’Istituto archeologico germanico sotto la direzione di Klaus Schmidt (1953–2014). Nel 2006 gli scavi passarono alle università tedesche di Heidelberg e di Karlsruhe. Gli scavi rimisero in luce un santuario monumentale megalitico, costituito da una collina artificiale delimitata da muri in pietra grezza a secco. Avremo modo di visitare l’area e di approfondire le teorie interpretative e i segni della storia. In pomeriggio sistemazione in hotel a Sanliurfa. Pensione completa e pernottamento.

4 giorno: Urfa la gloriosa, città d’acqua e di profeti

Sanliurfa è una delle città più antiche e più belle del mondo. Conosciuta dall’antichità e attraverso le epoche coi nomi di Urhay, Ur, Edessa, Urfa, è sempre stato un portone sul medio oriente,  centro nevralgico della via della seta che attraversa l’alta Mesopotamia, e fulcro degli scambi con la Siria, l’Iran e l’Armenia. La città è però ben più nota per la sua tradizione spirituale: patria natia del Profeta Abramo e cuore pulsante del monoteismo. Visiteremo dapprima il bellissimo parco cittadino conosciuto come “Halil Ibrahim, dedicato alla storia del Profeta Abramo, con laghi e moschee, grotte e scuole coraniche. Conosceremo la figura del Patriarca Abramo e del Profeta Eyup secondo la narrazione coranica. Tra freschi corsi d’acqua proseguiremo verso il bellissimo mercato coperto, uno dei più belli di tutto il medio oriente che conserva il fascino, gli aromi, i colori sgargianti e le architetture imponenti di questa indimenticabile città. Pensione completa e pernottamento.

5 giorno: Harran – e il museo archeologico di Sanliurfa

Dopo colazione riprendiamo la via per dirigerci ancora più a sud est, fino a raggiungere la cittadella di Harran, la Canaan dell’antico testamento da dove Abramo partì obbedendo all’ordine divino di “uscire dalla sua terra” . Il sito inserito nella magnificenza di enormi distese di cotone e tabacco,  sorge su un antico templio dedicato al culto del dio luna e popolato dai Sabei, popoli medio orientali seguaci di culti planetari ed astrali.  Rintracceremo monumenti e testimonianze di epoche diverse e visiteremo le case di fango ad alveare, costruzioni trogloditiche molto simili alle case di alberello, con cui tra l’altro la cittadella è gemellata. Rientreremo poi in città per concludere il ciclo di visite all’imponente museo archeologico cittadino di Sanliurfa, con una splendida collezione di reperti rinvenuti dai siti archeologici visitai nei giorni precedenti. Pensione completa e pernottamento.

6 giorno: Sanliurfa – Hasankeyif – Midyat

Dopo colazione partenza per Hasankaeyif, la perla del Tigri, prossima ad essere sommersa dalle acque della Diga Ilisu (una delle tante del progetto GAP). Percorreremo una direttrice in direzione nord ovest per raggiungere la cittadella di Hasankeyif, raggiungendo così il corso del fiume Tigri. Hasankeyf è un sito dall’eccezionale suggestione e bellezza situato sulle sponde del Tigri, in passato florido snodo commerciale lungo il fiume fra Diyarbakir e Baghdad. e che oggi conserva tracce di civiltà trascorse, romane, selgiuchidi, mongole ed ottomane. I primi insediamenti umani ad Hasankeyf risalgono a circa 10.000 anni fa, come testimoniano le grotte scavate nella montagna, usate ancora come magazzini e – fino a pochi anni fa – vere dimore. Nel primo pomeriggio proseguiamo verso Midyat, deliziosa cittadella centro di diffusione del Cristianesimo Orientale, dove tra architetture arabesque si conservano monasteri e chiese di rito siriaco e dove ancora oggi le comunità cristiane officiano liturgie in aramaico, la lingua parlata dal profeta Gesù. Visiteremo il monastero di Mor Gabriel con un accompagnatore locale e poi avremo tempo a disposizione per aggirarci nel fascinoso centro storico.  Pensione completa e pernottamento.

7 giorno: Midyat – Mardin

Dopo colazione check out per la nostra ultima destinazione: la cittadella di Mardin, una roccaforte culturale su terrazze che dominano la piana mesopotamica. A Mardin visiteremo il Monastero dello Zafferano, altro importante centro cristiano orientale con una importantissima tradizione nella conservazione e diffusione del sapere orientale. Anche qui il rito siriaco è vivo e la comunità cristiana numerosa. Martin rappresenta inoltre il simbolo della tolleranza medio orientale per antonomasia: qui da secoli ebrei, cristiani, musulmani e minoranze religiose diverse convivono in un clima di pace e tolleranza, come ben raccontato dal museo etnico cittadino che visiteremo a conclusione della nostra bellissima esperienza. Pensione completa e pernottamento.

8 giorno: Midyat – Italia (via Istanbul)

check out e trasferimento all’aeroporto di Midyat per il volo diretto a Istanbul e in coincidenza con il volo di rientro in Italia.

Fine dei servizi.

Per chi lo desidera è possibile estendere il soggiorno di qualche giorno a Istanbul.

Hotel previsti:
Midyat: Shmayya Hotel ***** special category
Mardin: Erdoba Evleri **** special category
Sanliurfa: El Ruha Hotel ***** o Manici Urfa **** special category
Nemrut: Kervanseray Hotel – baita a gestione familiare

Partenze di gruppo con mediatore culturale:
dal 5 al 12 ottobre 2017

Partenze individuali
possibili tutti i giorni con guida di lingua inglese

Quotazione per persona
1400 con base 10 – 14 partecipanti e presenza del turcologo
1600 con base 6 – 10 partecipanti e presenza del turcologo

Partenze individuali con sola guida di lingua inglese:
1900 con base 4 partecipanti
2200 con base 2 partecipanti
*** supplemento singola € 535

Trasporti – Si utilizzano minibus di diversi modelli a secondo del numero dei partecipanti.

Organizzazione – Guida locale di lingua inglese, mediatore culturale a partire da un minimo di 6 partecipanti.

Clima – Il clima della Turchia è caratterizzato da notevoli differenze tra le coste e le aree interne. La Mesopotamia presenta un clima caldo e secco, l’inverno è poco rigido con temperature che difficilmente scendono sotto I 10 gradi, l’estate è calda-secca con temperature sui 40°C e escursioni termiche tra il giorno e la notte.

Disposizioni sanitarie – Non è richiesta alcuna vaccinazione.

Formalità burocratiche – I cittadini italiani che si recano in Turchia per turismo possono entrare con la sola carta d’identità valida per l’espatrio, senza timbri di rinnovo e con validità di almeno 6 mesi a partire dall’entrata. Si fa presente che l’organizzazione non si assume alcuna responsabilità nel caso di impossibilità a entrare nel paese di destinazione a causa di documenti non corretti o scaduti.

Caratteristiche e grado di difficoltà – Viaggio di spiccato interesse culturale, archeologico, paesaggistico. Pasti in ristoranti locali e nei ristoranti degli hotel utilizzati.

NOTE:
Tutti I prezzi sono in Euro, includono l’IVA e non sono soggetti ad adeguamenti.

L’organizzazione si riserva di modificare I contenuti dei tour a propria discrezione e senza preavviso, qualora si rendesse necessario per ragioni di sicurezza o per condizioni climatiche peculiari. Si avrà cura di non alterare troppo il programma e di proporre alternative valide.

Chiedi più info o prenota subito!

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero di telefono

Scegli l'opzione che preferisci (richiesto)

Il tuo messaggio

Le altre proposte di itinerari in TURCHIA