dariofo2

Dario Fo e il bando in Turchia

Dario Fo e il bando in Turchia

dariofo

A poche ore dalla notizia della morte del premio nobel per la letteratura  l’East Journal pubblica un articolo per smentire la falsa notizia circa la messa al bando di autori internazionali nei teatri statali di Turchia, tra i cui nomi figurava quello di Dario Fo. (La bufala era stata immediatamente smentita da vari blogger, tuttavia rimasti ignorati)

“Dario Fo bandito in Turchia”  tuonavano a rimbalzino titoloni  su testate italiane main stream – capofila Il corriere della Sera, La Stampa, Il Fatto Quotidiano solo per citare le principali –  Sotto i titoloni,  incalzavano le dichiarazioni del premio nobel, che accusava il governo turco di “fascismo” e denunciava una repressione atta a cancellare la “cultura democratica occidentale”. Dichiarazioni che, se da un lato lasciavano trasparire una leggerezza ingiustificabile e deludente –  a rilasciarle non era pinco palla ma un intellettuale di calibro insignito del premio nobel – dall’altro  hanno sia alimentato la diffusione della bufala mediatica sia accentuato sentimenti di turcofobia nell’opinione pubblica italiana.

Un danno per la comunità, dove la disinformazione diventa strumento di mera e vile propaganda politica. Una beffa per l’autore stesso, che aveva reagito al fasullo bando dichiarando di sentirsi come se avesse vinto un secondo premio nobel.  Ci chiediamo cosa avrebbe fatto davanti alla verità…  Si sarebbe egli stesso messo al bando vietando ai turchi di rappresentare le proprie opere, così per essere coerente con le sue idee dichiarate a mezzo stampa oppure avrebbe umilmente ritrattato le sue dichiarazioni, magari porgendo scuse pubbliche?

Che la terra ti sia lieve…